La Psicologia del Primo Bacio

Il primo bacio è un evento fondamentale nella vita della maggior parte degli individui. Probabilmente ricordi esattamente dove ti trovavi in ​​quel momento e chi era il tuo partner. Ci sono infinite canzoni, film e persino uno dei dipinti più costosi del mondo (“Il bacio” di Klimt) che commemora l’avvicinarsi delle labbra di due persone l’una verso l’altra, eppure ci sono sorprendentemente poche ricerche su questo argomento. Se ripensi al tuo passato, al di là del bacio stesso, potresti anche ricordare chi nella tua cerchia di amici è stato il primo a vivere questa pietra miliare romantica. Potresti aver pensato che quei primi baciatori fossero particolarmente simpatici, popolari e avventurosi.

Ancora Poca Psicologia sul Primo Bacio!

Non è chiaro il motivo per cui, un evento degno di nota come il primo bacio, sia stato ignorato dalla psicologia. In effetti, non c’è nemmeno molta ricerca sui baci in generale, che si tratti di partner di relazioni romantiche a lungo termine o di incontri occasionali. Forse è solo scontato che tutti si sentano allo stesso modo riguardo ai baci, e quindi non ci si possa aspettare molta variabilità nei predittori, nelle correlazioni o nei risultati di questa forma di affetto fisico. Eva Lefkowitz e i collaboratori della University of Connecticut (2018) hanno deciso di esplorare il primo bacio, o almeno i ricordi del primo bacio, come riflesso della personalità di un individuo. Riconoscendo che il primo bacio è associato all’adolescenza (nella maggior parte delle persone), gli autori di UConn hanno considerato la sua tempistica e il contesto per riflettere lo sviluppo delle qualità psicosociali dell’identità e dell’intimità.

Come sottolineato dal gruppo di ricerca, il bacio a qualsiasi età, quando è tra persone che non hanno già una relazione sessuale, “offre molti degli aspetti positivi di altre (forme di intimità fisica) senza il rischio di infezione a trasmissione sessuale e / o gravidanza. “Nelle relazioni in generale, il bacio è considerato, secondo gli autori, un “comportamento positivamente valoriale in sé e per sé ed è legato alla soddisfazione e all’impegno della relazione nell’adolescenza e nell’età adulta“. Le persone che entrano nel gioco del bacio in ritardo potrebbero evitare questo tipo di impegno, in particolare se hanno ritardato il loro primo bacio fino a quando non sono in età scolastica. Il ritardo del primo bacio, quindi, può avere un importante significato psicologico, e questo era il punto focale dello studio.

Oltre a stabilire l’età del primo bacio tra il suo campione di studenti universitari etnicamente eterogenei, Lefkowitz ei suoi colleghi ricercatori desideravano determinare i predittori di personalità, motivazionali e demografici dell’età del primo bacio. Come notano, da una prospettiva motivazionale, potresti voler baciare la tua compagna di classe, perché hai un vero desiderio di farlo, o forse sei solo curioso. Queste motivazioni guidate dall’interno sono diverse da quelle che riflettono la pressione dei pari e vanno di pari passo con la cultura di appartenenza. Altri predittori dell’età del primo bacio investigati nello studio comprendevano il background religioso della famiglia e la qualità generale delle relazioni, l’autostima, l’uso di alcol e le esperienze accademiche. Anche l’immagine del corpo e le dimensioni del corpo (indice di massa corporea) sono state esaminate come predittori dell’età del primo bacio.

Oltre a questi fattori di base e di salute mentale, il team di ricerca di UConn era interessato a determinare il ruolo della personalità. Gli estroversi potrebbero essere più propensi a impegnarsi in un primo bacio, perché sono più motivati ​​socialmente, anche se possono anche essere inclini a comportamenti ad alto rischio. L’autostima sarebbe il secondo possibile predittore di personalità dell’età del bacio, basato su ricerche precedenti che dimostrano che le persone con bassa autostima hanno un maggior numero di relazioni e fanno esperienze di sesso non protetto.

A parità di condizioni, i partecipanti che hanno dato tardi il loro primo bacio presentavano bassa autostima, erano meno estroversi e avevano meno probabilità di bere.

Sfortunatamente, anche se gli autori hanno sollevato l’intrigante questione della motivazione per i baci precoci o ritardati, il loro studio non ci ha fornito informazioni sulla misura in cui la pressione dei pari ha influito sui partecipanti al primo bacio.

Articolo tratto da: https://www.psychologytoday.com/us/blog/fulfillment-any-age/201803/the-psychology-the-first-kiss?utm_source=FacebookPost&utm_medium=FBPost&utm_campaign=FBPost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *