La Sindrome da Burnout negli Artisti

Sentirsi in ” burnout “, troppa stanchezza per andare avanti, non si riesce più a mantenere la calma.

Questi sono i sentimenti che presentano molti lavoratori e gli artisti non sono un’eccezione.
La sfida per i medici e gli specialisti è quella di ridurre l’affaticamento da lavoro.
Il “burnout” è generalmente considerata una sindrome. Anche se in alcune culture è considerata una malattia vera e propria.
È una condizione debilitante che ha un impatto negativo sulla salute e sul rendimento del lavoro.
Le caratteristiche di questa sindrome includono: fatica, esaurimento, diminuzione della qualità e dell’esecuzione delle prestazioni, risposte e comportamenti non motivati, senso di essere un osservatore esterno alla vita, distacco dagli altri e una perdita di interesse per una carriera che una volta era una professione appassionante e desiderata.
Il burnout presenta tipicamente un graduale decremento nel tempo.
Ciò che confonde molti che soffrono di questa patologia è l’inizio che spesso muta in una condizione cronica che dura mesi o anni.
Secondo Christina Maslach, i sintomi cognitivi del burnout si manifestano come scarsa concentrazione e perdita di interesse.
I sintomi psicologici comprendono la depersonalizzazione, l’ansia, la depressione e il rischio spesso elevato di abuso di sostanze e idee suicidarie.
I sintomi fisici sono: incapacità di recuperare dall’esercizio muscolare, cattiva coordinazione, stanchezza in eccesso, debolezza muscolare cronica,  sonno interrotto, cicli mestruali alterati, perdita di appetito, risposta immune compromessa
 (difficoltà di recupero dalle infezioni ), mal di testa, disturbi gastrointestinali e irregolarità cardiovascolari.
Tutti questi sintomi sono comunemente associati allo stress cronico, e suggeriscono che il burnout possa essere un disordine di stress psicosociale-ambientale.

GLI ARTISTI E IL BURNOUT

Gli artisti in genere fanno pratiche per lunghe ore, devono esercitarsi con molta concentrazione durante le sessioni e vengono continuamente valutati nelle loro prestazioni.
Queste condizioni possono portare ad un esaurimento fisico ed emotivo.
Anche se queste condizioni persistono per tutta la durata della carriera, i giovani artisti sono particolarmente vulnerabili al burnout, sopratutto quando la loro formazione continua nel tempo dedicato al riposo.Burnout
Senza opportunità di recupero, le richieste croniche emotive e fisiche gradualmente erodono l’efficienza delle prestazioni e aumentano i sentimenti di disperazione.
Una caratteristica unica di  una carriera da performer è la necessità di lavorare con l’espressività emotiva.
Come gli operatori sanitari, i performer sono vulnerabili all’esaurimento emotivo, un fattore che è è considerato un componente chiave che porta al burnout.
L’ esaurimento emotivo è caratterizzato da un aumento del cinismo, della persistenza e della percezione disumanizzante.
Se gli artisti continuano a lavorare in queste condizioni di esaurimento emotivo, diminuisce notevolmente la passione, l’insoddisfazione per il lavoro aumenta e la fine della carriera può risultare più vicina.
Anche quando è presente un senso di autonomia (possibilità di auto-gestirsi) , le intese richieste emotive possono compensare le potenziali esperienze di sentire un senso di realizzazione e di essere valutati.

Come tutte le professioni, gli artisti che si esibiscono devono:
1) sostenere gli altri,
2) sentire di poter fare scelte indipendenti e che
3) queste scelte arricchiscano la sensazione di competenza.

Questi fattori  diminuiscono notevolmente le condizioni di burnout, in particolare l’esaurimento emotivo.
La probabilità di esaurimento emotivo, considerando anche un aumento del rischio di lesioni, si intensifica quando la passione ossessiva, piuttosto che la passione armonica, guida i performer.
Secondo Robert Vallerand e i suoi colleghi, la motivazione e la passione possono essere considerati bi-polari.
burnoutLa passione professionale è evidentemente quando un performer è rigidamente motivato a praticare la sua arte nonostante le sensazioni di dolore e di stanchezza.
La fatica può manifestarsi come appesantimento muscolare o cognitivo.
Senza un adeguato tempo di recupero la fatica può provocare gravi danni.
Per gli artisti che devono allenarsi ore per acquisire una capacità di performance ottimale, è  molto probabile che si presenti questo tipo di affaticamento.
Allo stesso modo, quando gli artisti lavorano in ambienti che richiedono più prestazioni a settimana il rischio di affaticamento aumenta.
Generalmente per recuperare è necessario riposarsi molto. 
L’affaticamento muscolare, noto anche come affaticamento periferico, è associato a una carenza di substrati metabolici.
Di solito gli artisti hanno un tempo di riposo insufficiente e presentano un rischio maggiore di lesioni e malattie .
Il controllo posturale, le prestazioni motorie e l’elaborazione cognitiva si riducono.
Imparare a prendersi piccole pause frequenti può alleviare numerose complicazioni associate alla stanchezza, è inoltre necessario seguire un regime di allenamento che rafforzi la resistenza muscolare cardiovascolare .
Per molti artisti, l’acquisizione di tecniche di rilassamento come  la visualizzazione può rivelarsi molto utile.sindrome-burnout
Il perfezionismo maladattivo, comunemente definito come preoccupazione estrema per gli standard esterni stabiliti nel clima socio-culturale della professione, può aumentare la vulnerabilità al burnout.
La metafora del fuoco è molto calzante con il concetto di burnout:
gli artisti iniziano la carriera con sogni molto vividi,il loro vigore, l’entusiasmo e la passione alimentano il fuoco.
Quello che spaventa e preoccupa nelle arti  dello spettacolo è che in un dato momento circa il 70% dei musicisti di orchestra di si esibisce nello stato di stanchezza sopra descritto. Un’alta percentuale di ballerini, cantanti e attori sono altrettanto a rischio di affaticamento cronico.
Al fine di ripristinare le risorse necessarie per sostenere un fuoco ardente, gli artisti hanno bisogno di un sano programma di benessere, devono distrarsi con attività esterne non legate alla propria professione. 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>