La Linea Sottile che Divide Amore e Odio

Perché odiamo le persone che amiamo

Amore e odio sono simili per il fatto di essere diretti verso un’altra persona spesso in modo travolgente. Nonostante questa somiglianza, i due sembrano opposti. Molto spesso quando amiamo qualcuno, vogliamo che prosperi, che stia bene. Quando odiamo qualcuno, è più probabile che desideriamo che soffra – o almeno che cambi.

Tuttavia, come dice Catullo, sappiamo bene che amore e odio possono coesistere. Se hai mai amato, sai che puoi odiare una persona che ami. Ma come è possibile?

Se non ti ama lo odi

Lo scenario più ovvio in cui odi e ami una persona allo stesso tempo è quello in cui il tuo amore non è ricambiato. Se pensi di essere fondamentalmente una persona amabile, può essere difficile comprendere che qualcuno che ami potrebbe non amarti. Se ti manca un po’di fiducia in te stesso, questo sarà un ulteriore colpo alla tua autostima. Se hai un po’ di autostima, puoi essere temporaneamente ingannato nel pensare che la mancanza di reciprocità del tuo amore riveli un difetto fondamentale nell’altra persona. Se dirigi i tuoi sentimenti negativi verso la persona a causa di questo “difetto” nella sua personalità, sei tenuto a odiarlo (almeno un po ‘).

L’amore toglie spazio alla tua libertà personale

È abbastanza facile vedere come l’amore e l’odio possano convivere in casi di amore non corrisposto. Ma puoi odiare una persona che ami anche quando il tuo amore è ricambiato, e anche quando hai una relazione florida con loro. Questo è uno degli aspetti paradossali dell’amore e delle relazioni d’amore, che siano romantiche o meno.

Avere una vera relazione con un’altra persona che si basa sull’amore (amore romantico, amore amicale, amore genitoriale) richiede di rinunciare un po’ della tua autonomia e libertà personale. A volte devi passare del tempo con l’altra persona. Questo lascia meno tempo per fare cose che preferireste fare in quel momento.

Quando hai una relazione con un’altra persona, ci saranno inevitabilmente dei momenti in cui devi mettere da parte le tue preferenze e ascoltare i desideri o le necessità dell’altro.

A volte devi trovare una via di mezzo. Incontrare l’altra persona a metà comporta anche rinunciare alla tua libertà personale.

Nelle culture occidentali, dove l’importanza dell’autonomia e della libertà personale viene ripetutamente enfatizzata, il fatto di dover limitare la propria libertà in qualche misura può non essere sempre considerato giusto, specialmente se si è abituati a stare da soli e fare qualsiasi cosa si voglia. Se percepisci la persona che ami come la ragione della tua perdita di libertà personale, potresti arrivare ad odiarlo.

L’amore ti rende vulnerabile

Per avere una relazione significativa con un’altra persona, devi essere in grado di essere te stesso. Non è sempre una buona cosa. Non possiamo sempre mostrare i nostri veri sentimenti alle persone al lavoro, al supermercato o in metropolitana. Ma devi essere in grado di farlo un po’ a casa. Devi lasciare che l’altra persona veda e senta parlare delle tue debolezze. Ma questo significa che diventi vulnerabile.

Possiamo ferire una persona che è vulnerabile considerevolmente più di una persona che ha la sua guardia sempre attiva. Questo fa parte di ciò che significa essere vulnerabili. Poiché la vulnerabilità aumenta le possibilità che tu possa farti male, essere vulnerabile può essere spaventoso. Dover correre questo rischio e vivere con questo rischio può essere travolgente al punto che il nostro amore si confonde con occasionali crisi di odio.

L’altra persona ha difetti

Ma tu non sei l’unica persona che deve mostrare i tuoi veri sentimenti. L’altra persona nella relazione deve aprirsi e poter agire in libertà. Quando ciò accade, si vedono lati altrui che non sono sempre graditi. Devi avere a che fare con tutte le cattive abitudini e i comportamenti fastidiosi che precedentemente trovavi accattivanti. Fortunatamente, gli episodi sporadici di odio che potresti sperimentare quando le abitudini e i comportamenti dei tuoi cari diventano fastidiosi possono coesistere con il tuo amore per lui o lei.

Quella linea sottile

Odio e amore sembrano entrambi coinvolti nell’elaborazione neurale di ciò che a volte viene definito l’effetto dell’eccitazione dell’emozione (questo è un termine tecnico, quindi l’eccitazione può essere negativa). Sembra che un’emozione con un alto effetto di eccitazione possa rapidamente passare da positivo (amore) a negativo (odio).

L’amore intenso può sembrare così duraturo e travolgente che è quasi surreale quando ci rendiamo conto di quanto velocemente possa trasformarsi in odio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *