5 Miti da Sfatare sulla Depressione

Finché ci saranno idee sbagliate sulla malattia mentale permarrà anche lo stigma.

La depressione, come l’arte, non può mai essere adeguatamente descritta solamente a parole, anche se Andrew Solomon ci prova nel suo memoriale Noonday Demon:

“Mi sentivo come se avessi un bisogno fisico, un’urgenza e un disagio impossibile da colmare – come se vomitassi costantemente ma non avessi bocca.” La mia vista cominciò a chiudersi, anche l’aria sembrava spessa e resistente, come se fosse piena di pane a pezzetti.”

Attraverso la metafora e l’allegoria, Solomon disegna un’immagine vivida dell’ineffabile, così come gli scrittori e gli artisti nel corso della storia, dai dipinti di Edvard Munch e Vincent van Gogh agli scritti di Sylvia Plath e Virginia Woolf.

Sebbene le parole possano rendere un po ‘di giustizia e l’arte possa trasmettere un messaggio, la natura intangibile della depressione, come di altre “malattie invisibili”, rende molto più difficile conciliare chi ne soffre con chi gli sta accanto.

Spesso temiamo ciò che non capiamo, e sia la paura che la mancanza di comprensione generano terreno fertile per lo stigma. Alcuni stimano che la depressione diventerà il secondo problema di salute più comune al mondo entro il 2020, se questo stigma continuerà ad esistere diventerà un problema ancora più difficile da affrontare. Lo stigma sociale, inoltre, spesso si trasforma in stigma internalizzato. A causa di ciò, una grande percentuale di coloro che soffrono di depressione non verranno trattati.

Di seguito sono riportati alcuni miti comuni sulla depressione.

Mito 1: “La depressione è qualcosa da cui puoi semplicemente “uscirne”

La depressione è un’impostazione del cervello. Non è una scelta. “Nessun individuo vorrebbe la sintomatologia che porta”, afferma la dottoressa Gabriella Farkas, fondatrice di Pearl Behavioral Health & Medicine PLLC. “Ci sono relazioni reciproche complesse tra chimica del cervello,  funzionamento e ambiente.” I fattori neurologici sono in gran parte al di là del controllo umano: “Le persone possono essere predisposte a diventare o rimanere depresse a causa dello stato del loro cervello, ma ci sono anche importanti fattori esperienziali e ambientali. “

Mito 2: “La depressione è qualcosa che puoi “affrontare con il pensiero”

Formulare pensieri positivi o scegliere di vedere il bicchiere “mezzo pieno” sono suggerimenti frequenti offerti nei libri di auto-aiuto e in alcune modalità terapeutiche. Per alcuni, questo può essere un consiglio utile. Tuttavia, creare una narrazione positiva attorno a una situazione negativa richiede l’uso di processi cognitivi deliberati, secondo Harold W. Koenigsberg, professore di psichiatria alla Mount Sinai School of Medicine e membro fondatore di Hope for Depression Research Foundation (HDRF) , che si è dedicato a trovare una cura per la depressione. “Nella depressione clinica, i sintomi corporei (ad esempio, basso livello di energia, incapacità di attivare circuiti di piacere, ecc.) Sono fissi e i modelli cognitivi perdono la loro flessibilità. Quando ciò accade, diventa difficile “tirarsi fuori”.

Quando qualcuno ha una vera e propria diagnosi debilitante come il disturbo depressivo maggiore, semplicemente alzarsi dal letto per farsi una doccia può sembrare fisicamente impossibile.

Mito n. 3: “Devi avere un motivo per essere depresso”

La depressione è ingannevole e persuasiva come un politico corrotto, che ti convince di ogni sorta di falsità, come ad esempio: “Non hai il diritto di essere depresso. Guarda tutto quello che hai. Dovresti essere grato.” Essere clinicamente depressi non richiede alcuna giustificazione. Anche se il mondo misura la felicità attraverso ciò che si possiede e poi determina che dovresti essere felice se ne hai abbastanza, non è così.

Tali osservazioni da parte dei propri cari, sebbene possano essere ben intenzionate, rafforzano e aggravano la colpa, che è un sintomo comune della depressione. Essere clinicamente depressi non richiede più giustificazioni di quanto non faccia l’influenza.

Mito n. 4: “Se puoi lavorare, non puoi essere malato”

“Quando hai l’influenza, stai a casa. Con la depressione, funziona così.”, dice Madisyn Taylor, fondatrice di DailyOM e autrice di Unmedicated: The Four Pillars of Natural Wellness. “Molte persone affette da depressione hanno ancora intenzione di lavorare e vivere la propria vita. Non esiste nulla che lo segnali, non abbiamo sempre sintomi fisici. Può essere difficile perché la gente non se ne accorge” Quindi la depressione viene indicata come una “malattia invisibile”.

Mito n. 5: “Se fossi abbastanza forte, non saresti depresso”

Essere clinicamente depressi non ha nulla a che fare con l’essere forti o deboli. Anzi, richiede molto coraggio chiedere aiuto quando si soffre. Dalle profondità del dolore psichico, emerge spesso con forza un rinnovato apprezzamento per la vita. Molti di coloro che hanno combattuto e superato l’abisso della depressione (o un’altra condizione di salute mentale) possono veramente apprezzare la sensazione di essersi liberati dalla sua presa. Inoltre, per chi è stato costretto a combattere contro le maree dello stigma sociale, e quindi vergogna di sé, spesso ha il carattere e la profondità d’animo di un sopravvissuto.

“Essere un sopravvissuto richiede un’enorme quantità di forza.”, osserva Taylor, che afferma che la depressione l’ha aiutata a sopravvivere a un trauma infantile. “La depressione è stata la mia amica per molti anni. Mi ha protetto, ha gettato una coperta su di me; ha avuto uno scopo per me. Attraverso il processo di guarigione dice, “ho trovato un pozzo di forza che non ha mai saputo esistesse: la maggior parte delle persone lo possiede. 

Hanno solo bisogno di trovare quella scintilla.” Per lei, quella scintilla è stata la meditazione: “Mi ha permesso di calmare la mia mente, sentire la mia voce interiore chiedere aiuto.”  Taylor attribuisce il suo successo oggi alla sua esperienza.

Articolo tratto da: psychologytoday

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *